SE HAI PROBLEMI CON LA RIPRODUZIONE DELLA MUSICA CLICCA QUI

Jungkook parla della sua crescita artistica e personale su Weverse Magazine

Di Pubblicato Luglio 27, 2021

Weverse Magazine sta rilasciando interviste individuali ai membri dei BTS in cui parlano del recente album "Butter". La prima intervista è quella a Jungkook!

 

Il responsabile dell'intero articolo e dell'intervista, Kang Myungseok ha posto domande profonde sulle sue emozioni, i suoi pensieri e i suoi sviluppi come giovane artista, così come la sua esperienza in "Butter", "Dynamite" e, naturalmente, la sua mentalità verso l'idea di appartenere a una band che ha battuto i propri record nelle classifiche di Billboard.

 

1627349396-screenshot-20210727-032820.jpg

 

Jungkook ha parlato del suo mixtape di debutto, progetto su cui ha lavorato di recente e che crede, abbia ancora molte cose da sistemare. Ha condiviso alcuni ricordi di quando aveva 13 anni, la voglia di mangiare il mondo cantando, il suo unico sogno da allora, e i cambiamenti che poteva vedere in se stesso mentre era nella band e cresceva con i suoi 6 compagni più grandi . Il golden maknae ammette anche che si vede meglio adesso rispetto a quando aveva 13 anni, non solo all'esterno ma anche all'interno, spiegando che si sente molto più maturo in molti modi. Tuttavia, ci sono ancora abitudini che conserva da quando era più giovane, come la scelta di un certo tipo di caramelle.

 

1627349396-screenshot-20210727-032835.jpg

 

Jungkook ha dichiarato di imparare molte più cose nuove da solo rispetto a quando gli vengono insegnate. Recentemente, ha migliorato le sue capacità di pittura grazie a YouTube. Jungkook ama l'idea di arricchire le sue tecniche nei suoi hobby preferiti, riconoscendo però il fatto di essere "molto pigro" e avere la tendenza a "pensare troppo, anche più di quanto la gente possa immaginare". In questo momento, il suo obiettivo è acquisire una maggiore conoscenza della lingua inglese e migliorare il suo accento. 

 

1627349382-screenshot-20210727-032911.jpg

 

JK aggiunge che non vorrebbe mai che gli ARMY smettessero di credere in lui. Dopo la menzione del fandom, non ha potuto fare a meno di dire quanto gli mancano, il modo in cui dà il 100% sul palco durante i concerti online e la possibilità di rivedere gli ARMY di fronte a sé piuttosto che l'idea di loro dietro una telecamera.

 

L'intervista completa (in inglese): https://magazine.weverse.io/article/view?lang=en&num=209

Letto 196 volte Ultima modifica il Martedì, 27 Luglio 2021 11:47
Joomla SEF URLs by Artio