Non tutti sono rimasti entusiasti del recente comeback degli NCT 127.

Secondo quanto riportato da una radio neozelandese, il Comitato Consultivo per la Protezione della Cultura Maori ha protestato per l'introduzione di una preghiera Maori all'interno della canzone "Simon Says".

L'audio della preghiera maori, conosciuta dal popolo indigeno neozelandese come "karakia" si può ascoltare proprio all'inizio del video, prima che parta la base musicale. La preghiera avrebbe un grande significato spirituale per il popolo neozelandese, che ne rivendica l'esclusiva sull'uso.

"Il Karakia si usa di solito al termine di una conversazione, mentre nel brano è stato inserito all'inizio, questo ci delude anche perché non è stata fatta alcuna ricerca sul significato culturale di questo canto" ha dichiarato Aroha Mead, ricercatrice e membro del comitato che ha mosso la protesta.

In Nuova Zelanda l'uso del suddetto audio nella canzone sta creando non poche polemiche e sono in molti a chiedere che la parte iniziale venga rimossa dalla canzone.

Nemmeno un mese dopo il comeback di ottobre con l'uscita di "Regular-Irregular", gli NCT 127 annunciano un nuovo ritorno alle scene.

"Si tratterà della pubblicazione di un album repackaged che uscirà alla fine di questo mese" - ha annunciato la SM Entertainment.

nct127comeback 1.jpg

Al momento non si hanno altre informazioni, né sul titolo, né sul numero di canzoni inedite che saranno contenute in questo nuovo disco. Di sicuro c'è solo che gli NCT 127 hanno già preparato nuove canzoni che scopriremo tra non molto.

Nel frattempo, la title song del loro ultimo album, "Regular", è una delle hit dell'anno, avendo scalato sia le classifiche sudcoreane e essendosi insiediata anche nella classifica statunitense Billboard.

La Billboard 200 accoglie un altro gruppo K-Pop!

Si tratta degli NCT 127, usciti lo scorso 18 ottobre con il loro album "Regular-Irregular", che si stanno imponendo in un music show dopo l'altro con la loro "Regular", brano uscito anche in lingua inglese e che ha dunque conquistato il pubblico di oltreoceano.

nct127 billboard 1.jpg

L'ultimo album degli NCT 127 è dunque riuscito a entrare nella "Billboard 200" all'86mo posto, grazie alle 8000 copie vendute negli USA in questa prima settimana, cifra che fa segnare il secondo miglior risultato raggiunto da un gruppo K-Pop all'interno della classifica di Billboard. Meglio di loro, soltanto i BTS, con "Love Yourself: Tear" prima, e "Love Yourself: Answer" poi.

Gli NCT 127 sono adesso il quarto gruppo K-Pop in assoluto a fare ingresso nella speciale classifica USA dedicata gli album, dopo BIGBANG, EXO e BTS.

Si completa, con l'uscita del loro album "Regular-Irregular", il comeback degli NCT 127.

L'avvicinamento all'uscita del disco era stata preceduta dall'uscita del video della title track "Regular" in versione inglese lo scorso 9 ottobre, in concomitanza con l'apparizione del gruppo nella trasmissione americana "Jimmy Kimmel Live!" e, successivamente, la presenza agli "American Music Awards".

Il video della versione coreana di "Regular" aveva poi anticipato di qualche ora la release ufficiale dell'album.

nct-127-Regular cov.jpg

"Regular-Irregular" è il primo full-album della sub unit degli NCT ed è la prima release dopo l'aggiunta del nuovo membro Jungwoo. Contiene ben undici tracce, che comprendono la già citata title track "Regular", la sua versione in lingua inglese e una bonus track finale.

Bentornati NCT 127! Ecco il video di "Regular" (versione coreana):

Pagina 1 di 2
Joomla SEF URLs by Artio